Italia senza Benzina
Borgo antico di Savignano sul Panaro (part.)

IAT Unione Terre di Castelli

Salta la navigazione



HOME » Audioguide » Punti di interesse - Arte, Cultura, Ambiente e Natura

La Rocca di Vignola

La Rocca di Vignola
Piazza dei Contrari, 4
41058 Vignola (Mo)
Tel. +39 059 775246
Fax +39 059 762586
GPS: 44°28'35.23"N, 11°0'36.04"E
Sito internet: www.fondazionedivignola.it/castello/
Indirizzo e-mail: fondazionecrv@fondazionecrv.it

Biglietto d'ingresso
L'ingresso alla Rocca è gratuito. Il biglietto d'ingresso viene tuttavia previsto in coincidenza con particolari eventi artistico-culturali.

Orario d'apertura:
Orario invernale: feriali ore 9.00-12.00 e 14.30-18.00; festivi ore 10.30-12.30 e 14.30-18.00. Orario estivo: feriali ore 9.00-12.00 e 15.30-19.00; festivi ore 10.30-13.00 e 15.30-19.00. L'orario varia in coincidenza con l'introduzione dell'ora legale.
Chiuso il Lunedì (se non festivo).
L'accesso è consentito fino a 30 minuti prima della chiusura. Si raccomanda la prenotazione telefonica, soprattutto per i gruppi.

La Rocca di Vignola rimarrà chiusa dal 15 agosto al 22 agosto 2011.

La Rocca di Vignola è forse per tutti i Vignolesi il simbolo più importante ed amato di identità geografica e culturale. Nel vissuto vignolese, ed anche in quello più ampio di tutta la zona pedemontana, essa è anche il segno di una unicità culturale che pur nutrendosi dell'humus emiliano ha visto contributi diversi, un crogiolo di influenze italiane ed anche europee di cui le molteplici variazioni stilistiche sono testimonianza.
Non si conosce con certezza l'anno di fondazione della Rocca, ma si può supporre sia stata edificata in quel particolare momento di crisi, caratterizzato dalla fine della dinastia carolongia e dalla invasione degli Ungari, quando, a difesa dei centri abitati, vennero innalzate torri e recinti fortificati. La tradizione attribuisce alla stessa abbazia nonantolana l'erezione di questo primo fortilizio, ma già in un documento del 936 lo troviamo sottoposto al dominio del Vescovo di Modena. Se la Rocca sorge come struttura difensiva-offensiva e mantiene tale impronta anche durante la signoria dei Grassoni nel XIV secolo, è con i Contrari, investiti del feudo da casa d'Este nel 1401, che muta profondamente la sua funzione, trasformandosi in sontuosa dimora ricca di decorazioni ed affreschi, idonea ad accogliere questa famiglia vissuta negli agi e nella magnificenza della corte ferrarese. Estinta la dinastia dei Contrari, la Rocca venne acquistata nel 1577 dai Boncompagni-Ludovisi, i quali non amministrarono, però, mai direttamente il feudo.
Proprio per questo nel corso dell'ottocento hanno trovato sviluppo, al suo interno naturale, le istituzioni sociali della cittadina: il Municipio, la Biblioteca e la Cassa di Risparmio di Vignola.

La Rocca è strutturata su cinque piani: nei sotterranei trovano sede due splendide sale, chiamate Contrari e Grassoni, utilizzate per convegni e concerti; il piano terra è costituito dalle sale di rappresentanza dette: dei Leoni e dei Leopardi, delle Colombe e degli Anelli, sovente utilizzate come spazi espositivi; al primo piano sono collocate le stanze nobili: delle Dame, del Padiglione, degli Stemmi, dei Tronchi d'Albero, lo Studio e la Cappella, affrescata con preziosi cicli di pitture tardogotiche del "Maestro di Vignola"; al secondo piano si aprono spaziosi locali utilizzati dalle truppe di stanza alla Rocca e dal personale di servizio; l'ultimo piano è occupato dai camminamenti di ronda che percorrono circolarmente l'edificio collegando tra loro le tre torri: di Nonantola, delle Donne e del Pennello.
Acquistata nel 1965 dalla Cassa di Risparmio di Vignola, e da allora sottoposta ad un'accurata opera di restauro, che ha interessato sia le strutture architettoniche che le decorazioni e gli affreschi, la Rocca, oggi gestita dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Vignola in regime di comodato, è oggi sede di manifestazioni diverse, che spaziano dalle mostre ai convegni, in un vasto e variegato programma di proposte,
Questa sede prestigiosa rappresenta per Vignola e più in generale per Modena e le provincie limitrofe di Reggio Emilia e Bologna uno spazio ideale per la realizzazione di progetti culturali d'attualità. La Fondazione Cassa di Risparmio di Vignola, in collaborazione con gli Enti Locali sta in questi anni portando avanti un ricco panorama di iniziative, in parte collegate alla valorizzazione di questa area geografica, in parte all'inserimento di Vignola in un più vasto circuito di cultura internazionale.

VISITE GUIDATE

E' possibile prenotare telefonando al numero +30 059 775246.
Le visite terminano 30 minuti prima della chiusura del Castello.


SCARICA L'AUDIOGUIDA IN FORMATO .MP3

ITALIANO INGLESE FRANCESE TEDESCO

Clicca con il tasto destro del mouse e fai "Salva con nome" per il download del file

 

Ultimo aggiornamento del 16/08/2011 ore 18.33 - N° visioni: 4.189 - Stampa


Torna su


Logo Città Castelli Ciliegi - Strada dei Vini e dei Sapori ITALIA SENZA BENZINA
Segreteria c/o Strada dei Vini e dei Sapori "Città Castelli Ciliegi"
Via Tavoni, 20 - 41058 Vignola (MO) ITALY
Tel. +39 059.77.67.11 - Fax. +39 059.77.02.930
E-mail: info@cittacastelliciliegi.it
Logo della Repubblica Italiana Logo dell'Unione Europea Logo del Programma di Sviluppo rurale Logo dell'Emilia Romagna
“Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l’Europa investe nelle zone rurali”

Sei il visitatore n° 10.596.829 - Totale utenti attualmente collegati: 148

Strumenti per la lettura: Visualizza il testo a caratteri normali Visualizza il testo a caratteri grandi Visualizza il testo ad elevato contrasto Visualizza il testo senza grafica

Ultimo aggiornamento: Martedì, 1 Marzo 2016 ore 13.12

© 2010-2019 ITALIA SENZA BENZINA - Sito realizzato con stile e criterio da Aitec.it